Monthly Archives: gennaio 2012

LETTERE AI CONDANNATI A MORTE

VENERDì 3 FEBBRAIO, ORE 16.30

Museo espositivo SMS, Viale delle Piagge, Pisa

L’ANPI Provinciale e il Liceo scientifico Bonarroti,

in collaborazione con il Comune di Pisa, presentano:

gli studenti del liceo Bonarroti leggono brani scelti insieme all’ANPI

tratti da: “Lettere ai condannati a morte

Sarà proiettato il documentario

“Per non dimenticare gli orrori dei campi di sterminio”

Annunci

CHI HA PAURA DEL DIVERSO?

CHI HA PAURA DEL DIVERSO?
TRA MEMORIA E CITTADINANZA: DIRITTI CONTRO IL RAZZISMO E LA XENOFOBIA DIBATTITO E RACCOLTA FIRME PER LA CAMPAGNA “L’ITALIA SONO ANCH’IO”

Lunedì 30 gennaio, ore 17.30, Stazione Leopolda, Piazza Guerrazzi, Pisa

Il Presidente Provinciale dell’ANPI di Pisa, Giorgio Vecchiani,  partecipa all’iniziativa organizzata dal PD per informare sulla campagna “L’Italia sono anch’io”, http://www.litaliasonoanchio.it/

INIZIATIVE GIORNO DELLA MEMORIA 2012

Per conoscere le iniziative dei Comuni della Provincia di Pisa per celebrare il giorno della Memoria 2012, consultate la sezione “Eventi”

COSTITUZIONE DELLA SEZIONE ANPI DELLA CGIL DI PISA

Rassegna stampa:

http://www.pisanotizie.it/news/news_20120127_creazione_sezione_anpi_cgil_pisa.html

DAI FORZA ALL’ANTIFASCISMO: ISCRIVITI ALL’ANPI E PARTECIPA ALLA CENA!

GIOVEDì 26 GENNAIO, ORE 20.00

PRESSO IL CIRCOLO ARCI ISOLA VERDE DI PISA

Cena antifascista

Il menù comprende antipasto, primo, secondo, contorno, dolce e spumante.

E’ previsto un menù vegetariano.

Costo: 15 euro.

Per prenotazioni (entro il 21 gennaio):

  • telefonare o scrivere un sms (specificando un nome e il numero di partecipanti) al 327 900 30 89
  • inviare una mail a: anpipisa@virgilio.it

Durante la serata sarà possibile iscriversi all’associazione.

L’ANPI CON DON ZAPPOLINI

Domenica 8 gennaio, dalle 10 alle 12, l’ANPI sarà presente a Perignano, davanti alla chiesa di Don Armando Zappolini per manifestare solidarietà dopo il volantino di Forza Nuova contro la campagna “L’Italia sono anch’io”.

Sarà un modo per raccogliere firme per la campagna che vuole riconoscere la cittadinanza ai bambini nati in Italia da genitori stranieri ma anche per ribadire principi come l’antifascismo, la giustizia sociale e per difendere ancora la Costituzione.