Monthly Archives: novembre 2013

ADDIO A RAIMONDO RICCI

Grave lutto per l’Anpi. Raimondo Ricci ci ha lasciato. E’ morto il 26 novembre a Genova dove risiedeva.

Il cordoglio della segreteria nazionale dell’Anpi.

Ai familiari di Raimondo RICCI, 

Carissimi,

la Segreteria Nazionale ha appreso con estremo dolore la notizia della scomparsa di Raimondo, da tempo affetto da problemi di salute ma fino all’ultimo indomito come sempre.

Raimondo ha avuto una vita complessa e importante di cui una parte ha voluto raccontare in un suo prezioso libro. Ma in realtà c’è stato, nella sua vita, un impegno così come una passione morale senza eguali. Combattente per la libertà, deportato, strepitoso avvocato, giurista finissimo, parlamentare, ovunque ha svolto la sua attività, Raimondo si è fatto apprezzare da tutti per il suo impego, per la sua capacità professionale, per la sua fedeltà a valori e ideali inopponibili.

Ha dedicato lavoro e impegno ad Istituti storici ed infine – in modo particolare – all’Istituto Ligure per la Storia della Resistenza; infine, anche in condizioni non facili, si è dedicato con la consueta passione all’ANPI, diventandone poi Presidente Nazionale.

Con un curriculum simile, è logico che Raimondo Ricci lasci un grande vuoto e un grande dolore e il rimpianto di quanti l’hanno conosciuto o hanno lavorato con lui.

Per noi, Raimondo, è stato maestro e per lungo tempo amico. Per questo lo piangiamo, assicurando che non lo dimenticheremo mai.

L’ANPI Nazionale ha delegato Marisa Ferro che l’ha conosciuto, ha lavorato con lui, ha mantenuto rapporti amichevoli anche nell’ultimo, difficile periodo. Marisa, però ci rappresenta tutti nell’inviare alla famiglia, alla figlia Marina, al figlio Emilio, ai nipoti, la nostra commossa ed affettuosa partecipazione che ci sentiamo di esprimere anche a nome dell’intero Comitato Nazionale.

Vi siamo particolarmente vicini, con tutto l’affetto con cui ricordiamo Raimondo e con la commozione di un distacco particolarmente doloroso. Un caro abbraccio a tutti voi.  

La Segreteria Nazionale ANPI  

La biografia di Raimondo Ricci.

La Repubblica di giovedì 28 novembre 2013.

 

 

PER TERESA MATTEI – FESTA DELLA TOSCANA 2013

In occasione della Festa della Toscana 2013, a Usigliano di Lari si ricorda Teresa Mattei.

PROGRAMMA: 

Venerdì 29 novembre

Ore 11 – Perignano, Complesso Scolastico (Via Pertini): cerimonia di intitolazione all’On. Teresa Mattei della sala conferenze. 

Sabato 30 novembre

Ore 16 – Usigliano di Lari: cerimonia di intitolazione all’On. Teresa Mattei di Via Montegrappa e Via degli Ulivi (Loc. La Sala)

Ore 17.30 –  Teatro di Lari: incontro con Rocco Muzio e Anna Sarfatti, per ricordare la vita e l’impegno di Teresa Mattei

Ore 21.30 –  Teatro di Lari: “Di fatto Teresa”, spettacolo di e con Silvia Bagnoli tratto dal libro “La costituente” di Patrizia Pacini

Comunicato stampa 26 Novembre 2013
In nome di Teresa Mattei

Il figlio Rocco Muzio con la famiglia Mattei annunciano che per La Festa della Toscana il 29 e 30 Novembre 2013 il Comune di Lari dedicherà l’aula conferenze della scuola primaria di Perignano e la già via Montegrappa di Usigliano di Lari al nome e ricordo di Teresa Mattei. Riconoscenti per questo tributo ne approfitto per ribadire le volontà di Teresa Mattei espresse durante tutta la sua vita e oggi rappresentate e difese da me compagno di 25 anni di attività politica con mia madre e da tutta la nostra famiglia. Teresa Mattei ha accettato con piacere di rappresentare per le Amministrazioni pubbliche il testimone della grande stagione politica italiana rappresentata dalla lotta al fascismo, dalla Resistenza e guerra di liberazione dal nazi-fascismo che poi ha dato origine alla grande avventura civile e politica dell’Assemblea Costituente dove si sono stabilite le nuove libertà e regole della convivenza e della vita politica del nostro Paese. Teresa Mattei dal 1955, quando è stata radiata dal PCI e ha revocato il nome di suo fratello Gianfranco Mattei dalla sezione del PCI di Bagno a Ripoli (FI), non ha più aderito ad alcun partito politico italiano; proseguendo d’altronde la sua azione culturale, politica e sociale senza più riconoscere ad alcuna forza politica la rappresentanza degli ideali della Resistenza e della Costituente di cui orgogliosamente rivendicava la continuità con la sua azione. Dal 2004 al 2006 insieme a mia madre Teresa Mattei e al Presidente Oscar Luigi Scalfaro siamo stati protagonisti delle più grande battaglia democratica per impedire la modifica della nostra Costituzione sulla falsariga dei piani di Licio Gelli, e abbiamo vinto con il referendum le volontà golpiste dei suoi amici e complici. Oggi purtroppo lo stesso obbiettivo viene tentato da un Parlamento illegittimo, eletto con una legge elettorale anticostituzionale che ha votato un comitato di presunti saggi, che vorrebbe levarci anche la possibilità, attraverso quanto stabilito dall’Art. 138, di dare o meno la nostra approvazione alle modifiche costituzionali proposte. In nome di Teresa Mattei la battaglia per la nostra Costituzione va proseguita e vinta di nuovo. In questi giorni mi giungono notizie di intitolazioni a nome di Teresa Mattei di sedi e circoli di partiti politici in varie parti d’Italia. Credendo nella buona fede di chi, con questo atto, ha voluto significare la propria vicinanza e riconoscimento per la storia politica ed umana di Teresa Mattei ribadisco che oggi in Italia non esiste alcun movimento politico la cui azione abbia la moralità e la levatura che hanno contraddistinto il percorso politico di Teresa Mattei e di tanti altri degni rappresentanti del popolo italiano all’interno dell’Assemblea Costituente. Quindi nel rispetto di una grande storia politica e civile chiediamo a chi in modo avventato ha comunicato l’intitolazione di sedi politiche a Teresa Mattei di rinunciarvi pubblicamente. Confermiamo invece la nostra disponibilità a considerare le proposte che possano giungere da amministrazioni pubbliche che siano espressioni elettive di tutti i cittadini. “Il più grande monumento, il maggiore, il più straordinario che si è costruito in Italia, alla libertà, alla giustizia, alla Resistenza, all’antifascismo, al pacifismo è la nostra Costituzione. “ Teresa Mattei (Firenze 30-1-2006)

Lari, 26 Novembre 2013
Rocco Muzio

24 NOVEMBRE 2013 – GIORNATA NAZIONALE DEL TESSERAMENTO

TesseramentoTw2 

Riguardo alle riforme costituzionali si vuole togliere l’ultima parola ai cittadini su una norma di garanzia costituzionale (art. 138 della Costituzione). Mobilitiamoci insieme per impedirlo.
L’ANPI invita tutti il 24 novembre, nelle piazze d’Italia, per un appuntamento con la Costituzione e propone a tutte le altre Associazioni un presidio da tenere nei pressi della Camera dei Deputati nei giorni immediatamente precedenti al voto (attorno al 10-11 dicembre)
Leggi l’appello integrale.
 

A Pisa saremo presenti con un tavolo informativo al circolo ARCI Alberone, Via Sant’Agostino 199, a partire dalle ore 15.00.

A Vicopisano al circolo l’Ortaccio dalle 10.00 alle 12.00. 

 

SPETTACOLO SULLA RESISTENZA – TEATRO VERDI PISA

locandina_Resistenza